Qual è la differenza tra opere e frutta nel libro di Galati

Spargi l'amore

Introduzione

Viral Believer è supportato dal lettore. Potremmo guadagnare una piccola commissione dai prodotti che consigliamo senza alcun costo per te. Per saperne di più

Oggi continuo la mia serie sul libro di Galati. Esamineremo la differenza tra opere e frutti, come descrive Paolo in Galati 4:21-31.

Tante volte nel cristianesimo moderno ci confondiamo su cosa sia opera e cosa sia frutto.

Le opere sono generalmente definite come un tentativo di guadagnare la tua salvezza e il frutto è definito come quanto bene stai osservando la legge.

Questa non è affatto la definizione di cui parlava Paolo.

Quindi prendiamoci un momento per fare un passo indietro e guardare l'esempio che Paolo dà riguardo alla differenza tra cercare di vivere rettamente con Dio osservando la legge e confidare in Dio per produrre in te una vita che Gli è gradita.

Agar e Sarah – Un esempio di opere vs. Frutta

Galati 4: 21-31

21 Dimmi, tu che desideri essere sotto la legge, non ascolti la legge? 22 Poiché sta scritto che Abramo ebbe due figli: uno da una schiava, l'altro da una donna libera. 23 Ma colui che era dalla serva è nato secondo la carne, e lui dalla donna libera mediante la promessa, 24 il che è simbolico. Poiché questi sono i due patti: quello del monte Sinai che partorisce in schiavitù, che è Agar – 25 poiché questa Agar è il monte Sinai in Arabia, e corrisponde a Gerusalemme che ora è, ed è in schiavitù con i suoi figli – 26 ma la Gerusalemme di sopra è libera, che è la madre di tutti noi.

27 Perché sta scritto:

“Rallegrati, o sterile,

Tu che non sopporti!

Scoppia e grida,

Tu che non sei in travaglio!

Perché il desolato ha molti più figli

Di lei che ha un marito».

28 Ora noi, fratelli, come lo fu Isacco, siamo figli della promessa. 29 Ma, come colui che è nato secondo la carne ha perseguitato colui che è nato secondo lo Spirito, così è ora. 30 Tuttavia che cosa dice la Scrittura? "Scaccia la schiava e suo figlio, perché il figlio della schiava non sarà erede con il figlio della donna libera". 31 Così dunque, fratelli, noi non siamo figli della schiava, ma della libera.

Ora Paolo afferma specificamente che la storia di Abramo, Agar e Sara è il simbolo delle differenze tra la legge dell'Antico Testamento e la nuova alleanza.

Egli identifica la legge dell'Antico Testamento con le opere della carne, mentre identifica il Nuovo Testamento come la promessa.

Quindi diamo un'occhiata a questa storia un po' più da vicino e vediamo se possiamo tracciare alcune correlazioni tra questa storia e le nostre vite oggi.

Genesi 16: 1

Ora Sarai, moglie di Abramo, non gli aveva dato figli. E aveva una serva egiziana il cui nome era Agar. 2 Allora Sarai disse ad Abramo: «Ecco, il SIGNORE mi ha trattenuto dal generare figli. Per favore, vai dalla mia cameriera; forse da lei otterrò figli». E Abramo ascoltò la voce di Sarai. 3 Allora Sarai, moglie di Abramo, prese Agar, la sua serva, l'Egiziana, e la diede in moglie ad Abramo suo marito, dopo che Abramo aveva abitato dieci anni nel paese di Canaan. 4 Così egli andò da Agar, ed ella concepì. E quando vide che aveva concepito, la sua padrona divenne disprezzata ai suoi occhi. 5 Allora Sarai disse ad Abramo: «Il mio torto ricada su di te! Ho dato la mia serva nel tuo abbraccio; e quando vide che aveva concepito, fui disprezzato ai suoi occhi. Il Signore giudica tra me e te». 6 Allora Abramo disse a Sarai: «Infatti la tua serva è nelle tue mani; falle come ti pare. E quando Sarai l'ha trattata duramente, l'ha fuggita dalla sua presenza.

Ragioni per cui le persone cadono in una mentalità da lavoro

Puoi vedere in questo passaggio che ci sono delle tentazioni molto reali coinvolte nell'operare in una mentalità di lavoro.

La prima tentazione che puoi vedere è che Sarah poi chiamò Sarai, decise di assumersi la responsabilità di adempiere la promessa fatta da Dio nelle sue stesse mani.

Ha deciso di realizzarlo. Così andò da Abramo e offrì una soluzione “umana”.

La seconda tentazione che possiamo vedere in questo passaggio sulla mentalità delle opere è che Agar divenne orgogliosa perché sembrava mantenere quella promessa.

Una volta concepita, ha guardato dall'alto in basso colui a cui Dio aveva fatto la promessa.

L'orgoglio spirituale è una tentazione molto reale di operare con una mentalità operaia. Ti dà una cartina di tornasole per confrontarti con gli altri.

Agar iniziò a paragonarsi a Sarai e pensò di essere migliore e più benedetta di Sarai.

Ragioni per cui le persone resistono a una mentalità da frutta

Dopo che Sarai si è occupata di Agar, Dio è apparso di nuovo e ha ribadito la promessa che era stata fatta in precedenza.

Possiamo ancora una volta imparare molto guardando questo passaggio e vedendo come Abramo e Sara hanno reagito alla promessa.

Genesi 17: 15

Allora Dio disse ad Abramo: «Riguardo a Sarai, tua moglie, il suo nome non sarà più Sarai. D'ora in poi il suo nome sarà Sarah. 16 E io la benedirò e ti darò un figlio da lei! Sì, la benedirò riccamente e diventerà madre di molte nazioni. Re di nazioni saranno tra i suoi discendenti». 17 Allora Abramo si prostrò a terra, ma rise tra sé incredulo. "Come potrei diventare padre all'età di 100 anni?" pensò. "E come può Sarah avere un bambino quando ha novant'anni?"

Genesi 18:1 Il Signore apparve di nuovo ad Abramo presso il bosco di querce di Mamre. Un giorno Abramo era seduto all'ingresso della sua tenda durante la parte più calda della giornata. 2 Alzò lo sguardo e vide tre uomini in piedi nelle vicinanze. Quando li vide, corse loro incontro e li accolse, inchinandosi a terra. 3 «Mio signore», disse, «se ti piace, fermati qui per un po'. 4 Riposa all'ombra di questo albero mentre ti viene portata l'acqua per lavarti i piedi. 5 E poiché hai onorato il tuo servo con questa visita, lascia che ti prepari del cibo per ristorarti prima che tu continui il tuo viaggio». "Va bene", hanno detto. "Fai come hai detto."

6 Allora Abramo tornò di corsa alla tenda e disse a Sara: «Presto! Prendi tre grandi misure della tua farina migliore, impastala e cuoci un po' di pane. 7 Allora Abramo corse dal gregge, scelse un tenero vitello e lo diede al suo servo, il quale lo preparò in fretta. 8 Quando il cibo fu pronto, Abramo prese dello yogurt, del latte e della carne arrosto, e lo servì agli uomini. Mentre mangiavano, Abramo li aspettava all'ombra degli alberi.

9 "Dov'è Sara, tua moglie?" hanno chiesto i visitatori.

«È dentro la tenda», rispose Abramo.

10 Allora uno di loro disse: «La prossima volta tornerò da te annoe tua moglie Sara avrà un figlio!»

Sarah stava ascoltando questa conversazione dalla tenda. 11 Abramo e Sara erano ormai entrambi molto vecchi, e Sara aveva da molto tempo superato l'età di avere figli. 12 Ella rise in silenzio tra sé e sé e disse: «Come può una donna sfinita come me godere di un tale piacere, soprattutto quando anche il mio padrone, mio ​​marito, è così vecchio?». 13 Allora il Signore disse ad Abramo: «Perché Sara ha riso? Perché ha detto: 'Può una donna anziana come me avere un bambino?' 14 C'è qualcosa di troppo difficile per il Signore? Tornerò in questo periodo l'anno prossimo e Sarah avrà un figlio". 15 Sara ebbe paura, perciò negò, dicendo: «Non ho riso».

Ma il Signore disse: "No, hai riso".

Credo che il motivo principale per cui le persone resistono a vivere secondo la promessa è che non vedono come può funzionare da un punto di vista naturale.

Nel nostro mondo moderno, abbiamo elevato la filosofia del naturalismo a un punto tale che tutto ciò che non possiamo spiegare o comprendere in base ai nostri 5 sensi è considerato ridicolo.

Fu lo stesso con Abramo e Sara.

Anche se Abrahamo aveva appena generato un figlio da Agar, non riusciva ancora a vedere con la sua naturale comprensione come avrebbe potuto generare un figlio da Sarah.

Esteriormente agiva religiosamente inchinandosi e sembrava accettare la parola di profezia che gli era stata data, ma dentro pensava solo con la sua naturale comprensione.

Sarah aveva la stessa mentalità.

Rideva all'idea di poter avere un bambino e rideva anche all'idea che la sua vecchia folaga per marito potesse persino svolgere il compito.

Si tratta davvero di questo. Qualcosa è troppo difficile per il Signore? Il problema non è la nostra capacità, ma la capacità di Dio.

Opere contro Frutta oggi.

La questione oggi non è se avremo o meno un figlio promesso. La questione oggi è se Dio ci trasformerà o meno da peccatori in santi.

Ci fideremo che Lui produca i Suoi frutti nella nostra vita o se dovremo o meno lavorare per produrre opere di rettitudine?

Perseguiremo la nostra vita cristiana basandoci su ciò che possiamo vedere funzionerà o ci fideremo che Lui farà qualcosa che vediamo essere troppo difficile da fare in natura senza il nostro aiuto?

Di recente ho avuto un'esperienza di questo.

Sono single da 13 anni ormai con alcune relazioni fallite durante quel periodo. L'ultimo mi ha ferito così tanto che ho stretto un patto con Dio.

Non avrei più guardato.

Ho finito.

Il mio raccoglitore donna era ovviamente rotto.

Dissi al Signore che avrebbe dovuto portarmi la donna proprio come fece con Adamo. Ho smesso di lavorare e mi sono fidato della sua promessa

Proverbi 18: 22

L'uomo che trova moglie trova un tesoro e riceve grazia dal Signore.

Confidavo che Dio mi avrebbe portato la Sua scelta e che mi sarei semplicemente imbattuto in lei e l'avrei "trovata" senza cercare o cercare.

Confidavo che, quando ciò fosse accaduto, avrei saputo di aver ricevuto il favore del Signore.

Bene, l'ha fatto.

È una storia incredibile che racconterò qualche volta, ma tra poco non sarò più single.

Ora che potrebbe non essere stata una cosa miracolosa all'esterno, ma ascolta la sfida.

non guarderei.

Vivo in una comunità di meno di 500 persone.

Sono pastore dell'unica chiesa di quella città.

Sono trattenuto da ragioni etiche a non uscire con me all'interno della mia congregazione.

Posso sposare solo qualcuno che è ugualmente aggiogato a me spiritualmente, emotivamente e nella chiamata.

Ora, vedi come è stato un compito così alto?

Quindi ti chiedo. Qualcosa è troppo difficile per Dio?

Se può far concepire a Sarah un figlio a una tale vecchiaia; se riesce a trovarmi una moglie che soddisfi i criteri che mi ha proposto di cercare in mezzo al nulla, nel Wyoming; allora non è in grado di produrre in te il frutto che vuole vedere nella tua vita per esserGli gradito e rimanere nel giusto rapporto con Lui senza che tu debba lavorarci perché ciò avvenga?

Penso che sia così.

Scorrere fino a Top